Amos 5
5:1 Ascoltate queste parole,
questo lamento che io pronunzio su di voi,
o casa di Israele!

5:2 È caduta, non si alzerà più,
la vergine d'Israele;
è stesa al suolo,
nessuno la fa rialzare.

5:3 Poiché così dice il Signore Dio:
La città che usciva con mille uomini
resterà con cento
e la città di cento
resterà con dieci, nella casa d'Israele.

5:4 Poiché così dice il Signore alla casa d'Israele:
Cercate me e vivrete!

5:5 Non rivolgetevi a Betel,
non andate a Gàlgala,
non passate a Bersabea,
perchè Gàlgala andrà tutta in esilio
e Betel sarà ridotta al nulla.

5:6 Cercate il Signore e vivrete,
perchè egli non irrompa come fuoco
sulla casa di Giuseppe e la consumi
e nessuno spenga Betel!

5:7 Essi trasformano il diritto in veleno
e gettano a terra la giustizia.

5:8 Colui che ha fatto le Pleiadi e Orione,
cambia il buio in chiarore del mattino
e stende sul giorno l'oscurità della notte;
colui che comanda alle acque del mare
e le spande sulla terra,
Signore è il suo nome.

5:9 Egli fa cadere la rovina sulle fortezze
e fa giungere la devastazione sulle cittadelle.

5:10 Essi odiano chi ammonisce alla porta
e hanno in abominio chi parla secondo verità.

5:11 Poiché voi schiacciate l'indigente
e gli estorcete una parte del grano,
voi che avete costruito case in pietra squadrata,
non le abiterete;
vigne deliziose avete piantato,
ma non ne berrete il vino,

5:12 perché so che numerosi sono i vostri misfatti,
enormi i vostri peccati.
Essi sono oppressori del giusto, incettatori di ricompense
e respingono i poveri nel tribunale.

5:13 Perciò il prudente in questo tempo tacerà,
perchè sarà un tempo di sventura.

5:14 Cercate il bene e non il male,
se volete vivere,
e così il Signore, Dio degli eserciti,
sia con voi, come voi dite.

5:15 Odiate il male e amate il bene
e ristabilite nei tribunali il diritto;
forse il Signore, Dio degli eserciti,
avrà pietà del resto di Giuseppe.

5:16 Perciò così dice il Signore,
Dio degli eserciti, il Signore:
In tutte le piazze vi sarà lamento,
in tutte le strade si dirà: Ah! ah!
Si chiamerà l'agricoltore a fare il lutto
e a fare il lamento quelli che conoscono la nenia.

5:17 In tutte le vigne vi sarà lamento,
perchè io passerò in mezzo a te,
dice il Signore.

5:18 Guai a coloro che attendono il giorno del Signore!
Che sarà per voi il giorno del Signore?
Sarà tenebre e non luce.

5:19 Come quando uno fugge davanti al leone
e s'imbatte in un orso;
entra in casa, appoggia la mano sul muro
e un serpente lo morde.

5:20 Non sarà forse tenebra e non luce
il giorno del Signore,
e oscurità senza splendore alcuno?

5:21 Io detesto, respingo le vostre feste
e non gradisco le vostre riunioni;

5:22 anche se voi mi offrite olocausti,
io non gradisco i vostri doni
e le vittime grasse come pacificazione
io non le guardo.

5:23 Lontano da me il frastuono dei tuoi canti:
il suono delle tue arpe non posso sentirlo!

5:24 Piuttosto scorra come acqua il diritto
e la giustizia come un torrente perenne.

5:25 Mi avete forse offerto vittime
e oblazioni nel deserto
per quarant'anni, o Israeliti?

5:26 Voi avete innalzato Siccùt vostro re
e Chiiòn vostro idolo,
la stella dei vostri dei che vi siete fatti.

5:27 Ora, io vi manderò in esilio
al di là di Damasco, dice il Signore,
il cui nome è Dio degli eserciti.