Baruc 3
3:1 Signore onnipotente, Dio d'Israele, un'anima angosciata, uno spirito tormentato grida verso di te.
3:2 Ascolta, Signore, abbi pietà, perché abbiamo peccato contro di te.
3:3 Tu domini sempre, noi continuamente periamo.
3:4 Signore onnipotente, Dio d'Israele, ascolta dunque la supplica dei morti d'Israele, dei figli di coloro che hanno peccato contro di te: essi non hanno ascoltato la voce del Signore loro Dio e a noi si sono attaccati questi mali.
3:5 Non ricordare l'iniquità dei nostri padri, ma ricordati ora della tua potenza e del tuo nome,
3:6 poiché tu sei il Signore nostro Dio e noi ti loderemo, Signore.
3:7 Per questo tu hai riempito i nostri cuori del tuo timore perché invocassimo il tuo nome. Noi ti lodiamo ora nell'esilio, poiché abbiamo allontanato dal cuore tutta l'iniquità dei nostri padri, i quali hanno peccato contro di te.
3:8 Ecco, siamo ancor oggi esiliati e dispersi, oggetto di obbrobrio, di maledizione e di condanna per tutte le iniquità dei nostri padri, che si sono ribellati al Signore nostro Dio.
3:9 Ascolta, Israele, i comandamenti della vita,
porgi l'orecchio per intender la prudenza.

3:10 Perché, Israele, perché ti trovi in terra nemica
e invecchi in terra straniera?

3:11 Perché ti contamini con i cadaveri
e sei annoverato fra coloro che scendono negli inferi?

3:12 Tu hai abbandonato la fonte della sapienza!

3:13 Se tu avessi camminato nei sentieri di Dio,
saresti vissuto sempre in pace.

3:14 Impara dov'è la prudenza,
dov'è la forza, dov'è l'intelligenza,
per comprendere anche dov'è la longevità e la vita,
dov'è la luce degli occhi e la pace.

3:15 Ma chi ha scoperto la sua dimora,
chi è penetrato nei suoi forzieri?

3:16 Dove sono i capi delle nazioni,
quelli che dominano le belve che sono sulla terra?

3:17 Coloro che si divertono con gli uccelli del cielo,
quelli che ammassano argento e oro,
in cui confidano gli uomini,
e non pongono fine ai loro possessi?

3:18 Coloro che lavorano l'argento e lo cesellano
senza rivelare il segreto dei loro lavori?

3:19 Sono scomparsi, sono scesi negli inferi
e altri hanno preso il loro posto.

3:20 Nuove generazioni hanno visto la luce
e sono venute ad abitare il paese,
ma non hanno conosciuto la via della sapienza,

3:21 non hanno appreso i suoi sentieri;
neppure i loro figli l'hanno raggiunta,
anzi, si sono allontanati dalla sua via.

3:22 Non se n'è sentito parlare in Cànaan,
non si è vista in Teman.

3:23 I figli di Agar, che cercano sapienza terrena,
i mercanti di Merra e di Teman,
i narratori di favole, i ricercatori dell'intelligenza
non hanno conosciuto la via della sapienza,
non si son ricordati dei suoi sentieri.

3:24 Israele, quanto è grande la casa di Dio,
quanto è vasto il luogo del suo dominio!

3:25 È grande e non ha fine,
è alto e non ha misura!

3:26 Là nacquero i famosi giganti dei tempi antichi,
alti di statura, esperti nella guerra;

3:27 ma Dio non scelse costoro
e non diede loro la via della sapienza:

3:28 perirono perché non ebbero saggezza,
perirono per la loro insipienza.

3:29 Chi è salito al cielo per prenderla
e farla scendere dalle nubi?

3:30 Chi ha attraversato il mare e l'ha trovata
e l'ha comprata a prezzo d'oro puro?

3:31 Nessuno conosce la sua via,
nessuno pensa al suo sentiero.

3:32 Ma colui che sa tutto, la conosce
e l'ha scrutata con l'intelligenza.
È lui che nel volger dei tempi ha stabilito la terra
e l'ha riempita d'animali;

3:33 lui che invia la luce ed essa va,
che la richiama ed essa obbedisce con tremore.

3:34 Le stelle brillano dalle loro vedette
e gioiscono;

3:35 egli le chiama e rispondono: Eccoci!
e brillano di gioia per colui che le ha create.

3:36 Egli è il nostro Dio
e nessun altro può essergli paragonato.

3:37 Egli ha scrutato tutta la via della sapienza
e ne ha fatto dono a Giacobbe suo servo,
a Israele suo diletto.

3:38 Per questo è apparsa sulla terra
e ha vissuto fra gli uomini.