Ecclesiaste Capitolo 1
1:1 Parole di Qoèlet, figlio di Davide, re di Gerusalemme.

1:2 Vanità delle vanità, dice Qoèlet,
vanità delle vanità, tutto è vanità.

1:3 Quale utilità ricava l'uomo da tutto l'affanno
per cui fatica sotto il sole?

1:4 Una generazione va, una generazione viene
ma la terra resta sempre la stessa.

1:5 Il sole sorge e il sole tramonta,
si affretta verso il luogo da dove risorgerà.

1:6 Il vento soffia a mezzogiorno, poi gira a tramontana;
gira e rigira
e sopra i suoi giri il vento ritorna.

1:7 Tutti i fiumi vanno al mare,
eppure il mare non è mai pieno:
raggiunta la loro mèta,
i fiumi riprendono la loro marcia.

1:8 Tutte le cose sono in travaglio
e nessuno potrebbe spiegarne il motivo.
Non si sazia l'occhio di guardare
né mai l'orecchio è sazio di udire.

1:9 Ciò che è stato sarà
e ciò che si è fatto si rifarà;
non c'è niente di nuovo sotto il sole.

1:10 C'è forse qualcosa di cui si possa dire:
Guarda, questa è una novità?
Proprio questa è già stata nei secoli
che ci hanno preceduto.

1:11 Non resta più ricordo degli antichi,
ma neppure di coloro che saranno
si conserverà memoria
presso coloro che verranno in seguito.

1:12 Io, Qoèlet, sono stato re d'Israele in Gerusalemme.

1:13 Mi sono proposto di ricercare e investigare con saggezza tutto ciò che si fa sotto il cielo. È questa una occupazione penosa che Dio ha imposto agli uomini, perché in essa fatichino.

1:14 Ho visto tutte le cose che si fanno sotto il sole ed ecco tutto è vanità e un inseguire il vento.

1:15 Ciò che è storto non si può raddrizzare
e quel che manca non si può contare.

1:16 Pensavo e dicevo fra me: Ecco, io ho avuto una sapienza superiore e più vasta di quella che ebbero quanti regnarono prima di me in Gerusalemme. La mia mente ha curato molto la sapienza e la scienza.

1:17 Ho deciso allora di conoscere la sapienza e la scienza, come anche la stoltezza e la follia, e ho compreso che anche questo è un inseguire il vento,

1:18 perchè
molta sapienza, molto affanno;
chi accresce il sapere, aumenta il dolore.