Esodo 10

8a piaga: le cavallette


10:1 Allora il Signore disse a Mosè: Và dal faraone, perché io ho reso irremovibile il suo cuore e il cuore dei suoi ministri, per operare questi miei prodigi in mezzo a loro
10:2 e perché tu possa raccontare e fissare nella memoria di tuo figlio e di tuo nipote come io ho trattato gli Egiziani e i segni che ho compiuti in mezzo a loro e così saprete che io sono il Signore!.
10:3 Mosè e Aronne entrarono dal faraone e gli dissero: Dice il Signore, il Dio degli Ebrei: Fino a quando rifiuterai di piegarti davanti a me? Lascia partire il mio popolo, perché mi possa servire.
10:4 Se tu rifiuti di lasciar partire il mio popolo, ecco io manderò da domani le cavallette sul tuo territorio.
10:5 Esse copriranno il paese, così da non potersi più vedere il suolo: divoreranno ciò che è rimasto, che vi è stato lasciato dalla grandine, e divoreranno ogni albero che germoglia nella vostra campagna.
10:6 Riempiranno le tue case, le case di tutti i tuoi ministri e le case di tutti gli Egiziani, cosa che non videro i tuoi padri, né i padri dei tuoi padri, da quando furono su questo suolo fino ad oggi!. Poi voltarono le spalle e uscirono dalla presenza del faraone.
10:7 I ministri del faraone gli dissero: Fino a quando costui resterà tra noi come una trappola? Lascia partire questa gente perché serva il Signore suo Dio! Non sai ancora che l'Egitto va in rovina?.
10:8 Mosè e Aronne furono richiamati presso il faraone, che disse loro: Andate, servite il Signore, vostro Dio! Ma chi sono quelli che devono partire?.
10:9 Mosè disse: Andremo con i nostri giovani e i nostri vecchi, con i figli e le figlie, con il nostro bestiame e le nostre greggi perché per noi è una festa del Signore.
10:10 Rispose: Il Signore sia con voi, come io intendo lasciar partire voi e i vostri bambini! Ma badate che voi avete di mira un progetto malvagio.
10:11 Così non va! Partite voi uomini e servite il Signore, se davvero voi cercate questo!. Li allontanarono dal faraone.
10:12 Allora il Signore disse a Mosè: Stendi la mano sul paese d'Egitto per mandare le cavallette: assalgano il paese d'Egitto e mangino ogni erba di quanto la grandine ha risparmiato!.
10:13 Mosè stese il bastone sul paese di Egitto e il Signore diresse sul paese un vento d'oriente per tutto quel giorno e tutta la notte. Quando fu mattina, il vento di oriente aveva portato le cavallette.
10:14 Le cavallette assalirono tutto il paese d'Egitto e vennero a posarsi in tutto il territorio d'Egitto. Fu una cosa molto grave: tante non ve n'erano mai state prima, né vi furono in seguito.
10:15 Esse coprirono tutto il paese, così che il paese ne fu oscurato; divorarono ogni erba della terra e ogni frutto d'albero che la grandine aveva risparmiato: nulla di verde rimase sugli alberi e delle erbe dei campi in tutto il paese di Egitto.
10:16 Il faraone allora convocò in fretta Mosè e Aronne e disse: Ho peccato contro il Signore, vostro Dio, e contro di voi.
10:17 Ma ora perdonate il mio peccato anche questa volta e pregate il Signore vostro Dio perché almeno allontani da me questa morte!.
10:18 Egli si allontanò dal faraone e pregò il Signore.
10:19 Il Signore cambiò la direzione del vento e lo fece soffiare dal mare con grande forza: esso portò via le cavallette e le abbatté nel Mare Rosso; neppure una cavalletta rimase in tutto il territorio di Egitto.
10:20 Ma il Signore rese ostinato il cuore del faraone, il quale non lasciò partire gli Israeliti.

9a piaga: le tenebre

10:21 Poi il Signore disse a Mosè: Stendi la mano verso il cielo: verranno tenebre sul paese di Egitto, tali che si potranno palpare!.
10:22 Mosè stese la mano verso il cielo: vennero dense tenebre su tutto il paese d'Egitto, per tre giorni.
10:23 Non si vedevano più l'un l'altro e per tre giorni nessuno si potè muovere dal suo posto. Ma per tutti gli Israeliti vi era luce là dove abitavano.
10:24 Allora il faraone convocò Mosè e disse: Partite, servite il Signore! Solo rimanga il vostro bestiame minuto e grosso! Anche i vostri bambini potranno partire con voi.
10:25 Rispose Mosè: Anche tu metterai a nostra disposizione sacrifici e olocausti e noi li offriremo al Signore nostro Dio.
10:26 Anche il nostro bestiame partirà con noi: neppure un'unghia ne resterà qui. Perché da esso noi dobbiamo prelevare le vittime per servire il Signore, nostro Dio, e noi non sapremo come servire il Signore finché non saremo arrivati in quel luogo.
10:27 Ma il Signore rese ostinato il cuore del faraone, il quale non volle lasciarli partire.
10:28 Gli rispose dunque il faraone: Vattene da me! Guardati dal ricomparire davanti a me, perché quando tu rivedrai la mia faccia morirai.
10:29 Mosè disse: Hai parlato bene: non vedrò più la tua faccia!.