Esdra Capitolo 2
2:1 Questi sono gli abitanti della provincia che ritornarono dall'esilio, i deportati che Nabucodònosor re di Babilonia aveva condotti in esilio a Babilonia.
Essi tornarono a Gerusalemme e in Giudea, ognuno alla sua città;
2:2 vennero con Zorobabèle, Giosuè, Neemia, Seraia, Reelaia, Mardocheo, Bilsan, Mispar, Bigvai, Recun, Baana.
2:3 Figli di Paros: duemilacentosettantadue.
2:4 Figli di Sefatia: trecentosettantadue.
2:5 Figli di Arach: settecentosettantacinque.
2:6 Figli di Pacat-Moab, cioè i figli di Giosuè e di Ioab: duemilaottocentodieci.
2:7 Figli di Elam: milleduecentocinquantaquattro.
2:8 Figli di Zattu: novecentoquarantacinque.
2:9 Figli di Zaccai: settecentosessanta.
2:10 Figli di Bani: seicentoquarantadue.
2:11 Figli di Bebai: seicentoventitré.
2:12 Figli di Azgad: milleduecentoventidue.
2:13 Figli di Adonikam: seicentosettantasei.
2:14 Figli di Bigvai: duemilacinquantasei.
2:15 Figli di Adin: quattrocentocinquantaquattro.
2:16 Figli di Ater, cioè di Ezechia: novantotto.
2:17 Figli di Bezài: trecentoventitré.
2:18 Figli di Iora: centododici.
2:19 Figli di Casum: duecentoventitré.
2:20 Figli di Ghibbar: novantacinque.
2:21 Figli di Betlemme: centoventitré.
2:22 Uomini di Netofa: cinquantasei.
2:23 Uomini di Anatòt: centoventotto.
2:24 Figli di Azmàvet: quarantadue.
2:25 Figli di Kiriat-Iearìm, di Chefira e di Beeròt: settecentoquarantatré.
2:26 Figli di Rama e di Gheba: seicentoventuno.
2:27 Uomini di Micmas: centoventidue.
2:28 Uomini di Betel e di Ai: duecentoventitré.
2:29 Figli di Nebo: cinquantadue.
2:30 Figli di Magbis: centocinquantasei.
2:31 Figli di un altro Elam: milleduecentocinquantaquattro.
2:32 Figli di Carim: trecentoventi.
2:33 Figli di Lod, Cadid e Ono: settecentoventicinque.
2:34 Figli di Gerico: trecentoquarantacinque.
2:35 Figli di Senaa: tremilaseicentotrenta.

2:36 I sacerdoti:
Figli di Iedaia della casa di Giosuè: novecentosettantatré.

2:37 Figli di Immer: millecinquantadue.

2:38 Figli di Pascur: milleduecentoquarantasette.

2:39 Figli di Carìm: millediciassette.

2:40 I leviti:
Figli di Giosuè e di Kadmiel, di Binnui e di Odavia: settantaquattro.

2:41 I cantori:
Figli di Asaf: centoventotto.

2:42 I portieri:
Figli di Sallùm, figli di Ater, figli di Talmon, figli di Akkub, figli di Catita, figli di Sobài: in tutto centotrentanove.

2:43 Gli oblati:
Figli di Zica, figli di Casufa,
figli di Tabbaot,

2:44 figli di Keros,
figli di Siaà, figli di Padon,

2:45 figli di Lebana, figli di Cagabà,
figli di Akkub,

2:46 figli di Cagàb,
figli di Samlai, figli di Canan,

2:47 figli di Ghiddel, figli di Gacar,
figli di Reaia,

2:48 figli di Rezin,
figli di Nekoda, figli di Gazzam,

2:49 figli di Uzza, figli di Paseach,
figli di Besai,

2:50 figli di Asna,
figli di Meunim, figli dei Nefisim,

2:51 figli di Bakbuk, figli di Cakufa,
figli di Carcur,

2:52 figli di Bazlut,
figli di Mechida, figli di Carsa,

2:53 figli di Barkos, figli di Sisara,
figli di Temach,

2:54 figli di Nesiach,
figli di Catifa.

2:55 Figli dei servi di Salomone:
Figli di Sotai, figli di Assofèret,
figli di Peruda,

2:56 figli di Iaalà,
figli di Darkon, figli di Ghiddel,

2:57 figli di Sefatia, figli di Cattil,
figli di Pochèret Azzebàim, figli di Ami.

2:58 Totale degli oblati e dei figli dei servi di Salomone: trecentonovantadue.
2:59 I seguenti rimpatriati da Tel-Melach, Tel-Carsa, Cherub-Addàn, Immer, non potevano dimostrare se il loro casato e la loro discendenza fossero d'Israele:
2:60 figli di Delaia, figli di Tobia, figli di Nekodà: seicentoquarantadue.
2:61 Tra i sacerdoti i seguenti:
figli di Cobaià, figli di Akkoz, figli di Barzillài, il quale aveva preso in moglie una delle figlie di Barzillài il Galaadita e aveva assunto il suo nome,
2:62 cercarono il loro registro genealogico, ma non lo trovarono; allora furono esclusi dal sacerdozio.
2:63 Il governatore ordinò loro che non mangiassero le cose santissime, finché non si presentasse un sacerdote con Urim e Tummim.
2:64 Tutta la comunità così radunata era di quarantaduemilatrecentosessanta persone;
2:65 inoltre vi erano i loro schiavi e le loro schiave: questi erano settemilatrecentotrentasette; poi vi erano i cantori e le cantanti: duecento.

2:66 I loro cavalli: settecentotrentasei.
I loro muli: duecentoquarantacinque.

2:67 I loro cammelli: quattrocentotrentacinque.
I loro asini: seimilasettecentoventi.

2:68 Alcuni capifamiglia al loro arrivo al tempio che è in Gerusalemme, fecero offerte volontarie per il tempio, perché fosse ripristinato nel suo stato.
2:69 Secondo le loro forze diedero al tesoro della fabbrica: oro: dramme sessantunmila; argento: mine cinquemila; tuniche da sacerdoti: cento.
2:70 Poi i sacerdoti, i leviti, alcuni del popolo, i cantori, i portieri e gli oblati si stabilirono nelle rispettive città e tutti gli Israeliti nelle loro città.