Genesi 48
48:1 Dopo queste cose, fu riferito a Giuseppe: Ecco, tuo padre è malato!. Allora egli condusse con sé i due figli Manasse ed Efraim.
48:2 Fu riferita la cosa a Giacobbe: Ecco, tuo figlio Giuseppe è venuto da te. Allora Israele raccolse le forze e si mise a sedere sul letto.
48:3 Giacobbe disse a Giuseppe: Dio onnipotente mi apparve a Luz, nel paese di Canaan, e mi benedisse
48:4 dicendomi: Ecco, io ti rendo fecondo: ti moltiplicherò e ti farò diventare un insieme di popoli e darò questo paese alla tua discendenza dopo di te in possesso perenne.
48:5 Ora i due figli che ti sono nati nel paese d'Egitto prima del mio arrivo presso di te in Egitto, sono miei: Efraim e Manasse saranno miei come Ruben e Simeone.
48:6 Invece i figli che tu avrai generati dopo di essi, saranno tuoi: saranno chiamati con il nome dei loro fratelli nella loro eredità.
48:7 Quanto a me, mentre giungevo da Paddan, Rachele, tua madre, mi morì nel paese di Canaan durante il viaggio, quando mancava un tratto di cammino per arrivare a Efrata, e l'ho sepolta là lungo la strada di Efrata, cioè Betlemme.
48:8 Poi Israele vide i figli di Giuseppe e disse: Chi sono questi?.
48:9 Giuseppe disse al padre: Sono i figli che Dio mi ha dati qui. Riprese: Portameli perché io li benedica!.
48:10 Ora gli occhi di Israele erano offuscati dalla vecchiaia: non poteva più distinguere. Giuseppe li avvicinò a lui, che li baciò e li abbracciò.
48:11 Israele disse a Giuseppe: Io non pensavo più di vedere la tua faccia ed ecco, Dio mi ha concesso di vedere anche la tua prole!.
48:12 Allora Giuseppe li ritirò dalle sue ginocchia e si prostrò con la faccia a terra.
48:13 Poi li prese tutti e due, Efraim con la sua destra, alla sinistra di Israele, e Manasse con la sua sinistra, alla destra di Israele, e li avvicinò a lui.
48:14 Ma Israele stese la mano destra e la pose sul capo di Efraim, che pure era il più giovane, e la sua sinistra sul capo di Manasse, incrociando le braccia, benché Manasse fosse il primogenito.
48:15 E così benedisse Giuseppe:
Il Dio, davanti al quale hanno camminato
i miei padri Abramo e Isacco,
il Dio che è stato il mio pastore da quando esisto
fino ad oggi,
48:16 l'angelo che mi ha liberato da ogni male,
benedica questi giovinetti!
Sia ricordato in essi il mio nome
e il nome dei miei padri Abramo e Isacco
e si moltiplichino in gran numero
in mezzo alla terra!.
48:17 Giuseppe notò che il padre aveva posato la destra sul capo di Efraim e ciò gli spiacque. Prese dunque la mano del padre per toglierla dal capo di Efraim e porla sul capo di Manasse.
48:18 Disse al padre: Non così, padre mio: è questo il primogenito, posa la destra sul suo capo!.
48:19 Ma il padre ricusò e disse: Lo so, figlio mio, lo so: anch'egli diventerà un popolo, anch'egli sarà grande, ma il suo fratello minore sarà più grande di lui e la sua discendenza diventerà una moltitudine di nazioni.
48:20 E li benedisse in quel giorno:
Di voi si servirà Israele
per benedire, dicendo:
Dio ti renda come Efraim e come Manasse!.
Così pose Efraim prima di Manasse.
48:21 Poi Israele disse a Giuseppe: Ecco, io sto per morire, ma Dio sarà con voi e vi farà tornare al paese dei vostri padri.
48:22 Quanto a me, io do a te, più che ai tuoi fratelli, un dorso di monte, che io ho conquistato dalle mani degli Amorrei con la spada e l'arco.