Giobbe Capitolo 26
26:1 Giobbe rispose:

26:2 Quanto aiuto hai dato al debole
e come hai soccorso il braccio senza forza!

26:3 Quanti buoni consigli hai dato all'ignorante
e con quanta abbondanza hai manifestato la saggezza!

26:4 A chi hai tu rivolto la parola
e qual è lo spirito che da te è uscito?

26:5 I morti tremano sotto terra,
come pure le acque e i loro abitanti.

26:6 Nuda è la tomba davanti a lui
e senza velo è l'abisso.

26:7 Egli stende il settentrione sopra il vuoto,
tiene sospesa la terra sopra il nulla.

26:8 Rinchiude le acque dentro le nubi,
e le nubi non si squarciano sotto il loro peso.

26:9 Copre la vista del suo trono
stendendovi sopra la sua nube.

26:10 Ha tracciato un cerchio sulle acque,
sino al confine tra la luce e le tenebre.

26:11 Le colonne del cielo si scuotono,
sono prese da stupore alla sua minaccia.

26:12 Con forza agita il mare
e con intelligenza doma Raab.

26:13 Al suo soffio si rasserenano i cieli,
la sua mano trafigge il serpente tortuoso.

26:14 Ecco, questi non sono che i margini delle sue opere;
quanto lieve è il sussurro che noi ne percepiamo!
Ma il tuono della sua potenza chi può comprenderlo?