1 Re Capitolo 13
13:1 Un uomo di Dio, per comando del Signore, si portò da Giuda a Betel, mentre Geroboamo stava sull'altare per offrire incenso.
13:2 Per comando del Signore, quegli gridò verso l'altare: Altare, altare, così dice il Signore: Ecco nascerà un figlio nella casa di Davide, chiamato Giosia, il quale immolerà su di te i sacerdoti delle alture che hanno offerto incenso su di te, e brucerà su di te ossa umane.
13:3 E ne diede una prova, dicendo: Questa è la prova che il Signore parla: ecco l'altare si spaccherà e si spanderà la cenere che vi è sopra.
13:4 Appena sentì il messaggio che l'uomo di Dio aveva proferito contro l'altare di Betel, il re Geroboamo tese la mano dall'altare dicendo: Afferratelo!. Ma la sua mano, tesa contro di quello, gli si paralizzò e non la potè ritirare a sé.
13:5 L'altare si spaccò e si sparse la cenere dell'altare secondo il segno dato dall'uomo di Dio per comando del Signore.
13:6 Presa la parola, il re disse all'uomo di Dio: Placa il volto del Signore tuo Dio e prega per me perché mi sia resa la mia mano. L'uomo di Dio placò il volto del Signore e la mano del re tornò come era prima.
13:7 All'uomo di Dio il re disse: Vieni a casa con me per rinfrancarti; ti darò un regalo.
13:8 L'uomo di Dio rispose al re: Anche se mi dessi metà della tua casa, non verrei con te e non mangerei né berrei nulla in questo luogo,
13:9 perché mi è stato ordinato per comando del Signore: Non mangiare e non bere nulla e non tornare per la strada percorsa nell'andata.
13:10 Se ne andò per un'altra strada e non tornò per quella che aveva percorsa venendo a Betel.
13:11 Ora viveva a Betel un vecchio profeta, al quale i figli andarono a riferire quanto aveva fatto quel giorno l'uomo di Dio a Betel; essi riferirono al loro padre anche le parole che quegli aveva dette al re.
13:12 Il vecchio profeta domandò loro: Quale via ha preso?. I suoi figli gli indicarono la via presa dall'uomo di Dio, che era venuto da Giuda.
13:13 Ed egli disse ai suoi figli: Sellatemi l'asino!. Gli sellarono l'asino ed egli vi montò sopra
13:14 per inseguire l'uomo di Dio che trovò seduto sotto una quercia. Gli domandò: Sei tu l'uomo di Dio, venuto da Giuda?. Rispose: Sono io.
13:15 L'altro gli disse: Vieni a casa con me per mangiare qualcosa.
13:16 Egli rispose: Non posso venire con te né mangiare o bere nulla in questo luogo,
13:17 perché ho ricevuto questo comando per ordine del Signore: Non mangiare e non bere là nulla e non ritornare per la strada percorsa nell'andata.
13:18 Quegli disse: Anch'io sono profeta come te; ora un angelo mi ha detto per ordine di Dio: Fallo tornare con te nella tua casa, perché mangi e beva qualcosa. Egli mentiva a costui,
13:19 che ritornò con lui, mangiò e bevve nella sua casa.
13:20 Mentre essi stavano seduti a tavola, il Signore parlò al profeta che aveva fatto tornare indietro l'altro
13:21 ed egli gridò all'uomo di Dio che era venuto da Giuda: Così dice il Signore: Poiché ti sei ribellato all'ordine del Signore, non hai ascoltato il comando che ti ha dato il Signore tuo Dio,
13:22 sei tornato indietro, hai mangiato e bevuto in questo luogo, sebbene ti fosse stato prescritto di non mangiarvi o bervi nulla, il tuo cadavere non entrerà nel sepolcro dei tuoi padri.
13:23 Dopo che ebbero mangiato e bevuto, l'altro sellò l'asino per il profeta che aveva fatto ritornare
13:24 e quegli partì. Un leone lo trovò per strada e l'uccise; il suo cadavere rimase steso sulla strada, mentre l'asino se ne stava là vicino e anche il leone stava vicino al cadavere.
13:25 Ora alcuni passanti videro il cadavere steso sulla strada e il leone che se ne stava vicino al cadavere. Essi andarono e divulgarono il fatto nella città ove dimorava il vecchio profeta.
13:26 Avendolo saputo, il profeta che l'aveva fatto ritornare dalla strada disse: Quello è un uomo di Dio, che si è ribellato all'ordine del Signore; per questo il Signore l'ha consegnato al leone, che l'ha abbattuto e ucciso secondo la parola comunicatagli dal Signore.
13:27 Egli aggiunse ai figli: Sellatemi l'asino. Quando l'asino fu sellato,
13:28 egli andò e trovò il cadavere di lui steso sulla strada con l'asino e il leone accanto. Il leone non aveva mangiato il cadavere né sbranato l'asino.
13:29 Il profeta prese il cadavere dell'uomo di Dio, lo sistemò sull'asino e se lo portò nella città dove abitava, per piangerlo e seppellirlo.
13:30 Depose il cadavere nel proprio sepolcro e fece il lamento su di lui: Ohimè, fratello mio!.
13:31 Dopo averlo sepolto, disse ai figli: Alla mia morte mi seppellirete nel sepolcro in cui è stato sepolto l'uomo di Dio; porrete le mie ossa vicino alle sue,
13:32 poiché certo si avvererà la parola che egli gridò, per ordine del Signore, contro l'altare di Betel e contro tutti i santuari delle alture che sono nelle città di Samaria.
13:33 Dopo questo fatto, Geroboamo non si convertì dalla sua condotta perversa. Egli continuò a prendere qua e là dal popolo i sacerdoti delle alture e a chiunque lo desiderasse dava l'investitura e quegli diveniva sacerdote delle alture.
13:34 Tale condotta costituì, per la casa di Geroboamo, il peccato che ne provocò la distruzione e lo sterminio dalla terra.