Proverbi Capitolo 24
24:1 Non invidiare gli uomini malvagi, non desiderare di stare con loro;

24:2 poiché il loro cuore trama rovine
e le loro labbra non esprimono che malanni.

24:3 Con la sapienza si costruisce la casa
e con la prudenza la si rende salda;

24:4 con la scienza si riempiono le sue stanze
di tutti i beni preziosi e deliziosi.

24:5 Un uomo saggio vale più di uno forte,
un uomo sapiente più di uno pieno di vigore,

24:6 perché con le decisioni prudenti si fa la guerra
e la vittoria sta nel numero dei consiglieri.

24:7 È troppo alta la sapienza per lo stolto,
alla porta della città egli non potrà aprir bocca.

24:8 Chi trama per fare il male
si chiama mestatore.

24:9 Il proposito dello stolto è il peccato
e lo spavaldo è l'abominio degli uomini.

24:10 Se ti avvilisci nel giorno della sventura,
ben poca è la tua forza.

24:11 Libera quelli che sono condotti alla morte
e salva quelli che sono trascinati al supplizio.

24:12 Se dici: Ecco, io non ne so nulla,
forse colui che pesa i cuori non lo comprende?
Colui che veglia sulla tua vita lo sa;
egli renderà a ciascuno secondo le sue opere.

24:13 Mangia, figlio mio, il miele, perché è buono
e dolce sarà il favo al tuo palato.

24:14 Sappi che tale è la sapienza per te:
se l'acquisti, avrai un avvenire
e la tua speranza non sarà stroncata.

24:15 Non insidiare, o malvagio, la dimora del giusto,
non distruggere la sua abitazione,

24:16 perché se il giusto cade sette volte, egli si rialza,
ma gli empi soccombono nella sventura.

24:17 Non ti rallegrare per la caduta del tuo nemico
e non gioisca il tuo cuore, quando egli soccombe,

24:18 perché il Signore non veda e se ne dispiaccia
e allontani da lui la collera.

24:19 Non irritarti per i malvagi
e non invidiare gli empi,

24:20 perché non ci sarà avvenire per il malvagio
e la lucerna degli empi si estinguerà.

24:21 Temi il Signore, figlio mio, e il re;
non ribellarti né all'uno né all'altro,

24:22 perché improvvisa sorgerà la loro vendetta
e chi sa quale scempio faranno l'uno e l'altro?

24:23 Anche queste sono parole dei saggi.
Aver preferenze personali in giudizio non è bene.

24:24 Se uno dice all'empio: Tu sei innocente,
i popoli lo malediranno, le genti lo esecreranno,

24:25 mentre tutto andrà bene a coloro che rendono giustizia,
su di loro si riverserà la benedizione.

24:26 Dà un bacio sulle labbra
colui che risponde con parole rette.

24:27 Sistema i tuoi affari di fuori
e fatti i lavori dei campi
e poi costruisciti la casa.

24:28 Non testimoniare alla leggera contro il tuo prossimo
e non ingannare con le labbra.

24:29 Non dire: Come ha fatto a me così io farò a lui,
renderò a ciascuno come si merita.

24:30 Sono passato vicino al campo di un pigro,
alla vigna di un uomo insensato:

24:31 ecco, ovunque erano cresciute le erbacce,
il terreno era coperto di cardi
e il recinto di pietre era in rovina.

24:32 Osservando, riflettevo
e, vedendo, ho tratto questa lezione:

24:33 un pò dormire, un pò sonnecchiare,
un pò incrociare le braccia per riposare

24:34 e intanto viene passeggiando la miseria
e l'indigenza come un accattone.