Salmi Capitolo 74
74


74:1 Maskil. Di Asaf.
O Dio, perché ci respingi per sempre,
perché divampa la tua ira
contro il gregge del tuo pascolo?

74:2 Ricordati del popolo
che ti sei acquistato nei tempi antichi.
Hai riscattato la tribù che è tuo possesso,
il monte Sion, dove hai preso dimora.

74:3 Volgi i tuoi passi a queste rovine eterne:
il nemico ha devastato tutto nel tuo santuario.

74:4 Ruggirono i tuoi avversari nel tuo tempio,
issarono i loro vessilli come insegna.

74:5 Come chi vibra in alto la scure
nel folto di una selva,

74:6 con l'ascia e con la scure
frantumavano le sue porte.

74:7 Hanno dato alle fiamme il tuo santuario,
hanno profanato e demolito la dimora del tuo nome;

74:8 pensavano: Distruggiamoli tutti;
hanno bruciato tutti i santuari di Dio nel paese.

74:9 Non vediamo più le nostre insegne,
non ci sono più profeti
e tra di noi nessuno sa fino a quando...

74:10 Fino a quando, o Dio, insulterà l'avversario,
il nemico continuerà a disprezzare il tuo nome?

74:11 Perché ritiri la tua mano
e trattieni in seno la destra?

74:12 Eppure Dio è nostro re dai tempi antichi,
ha operato la salvezza nella nostra terra.

74:13 Tu con potenza hai diviso il mare,
hai schiacciato la testa dei draghi sulle acque.

74:14 Al Leviatàn hai spezzato la testa,
lo hai dato in pasto ai mostri marini.

74:15 Fonti e torrenti tu hai fatto scaturire,
hai inaridito fiumi perenni.

74:16 Tuo è il giorno e tua è la notte,
la luna e il sole tu li hai creati.

74:17 Tu hai fissato i confini della terra,
l'estate e l'inverno tu li hai ordinati.

74:18 Ricorda: il nemico ha insultato Dio,
un popolo stolto ha disprezzato il tuo nome.

74:19 Non abbandonare alle fiere la vita di chi ti loda,
non dimenticare mai la vita dei tuoi poveri.

74:20 Sii fedele alla tua alleanza;
gli angoli della terra sono covi di violenza.

74:21 L'umile non torni confuso,
l'afflitto e il povero lodino il tuo nome.

74:22 Sorgi, Dio, difendi la tua causa,
ricorda che lo stolto ti insulta tutto il giorno.

74:23 Non dimenticare lo strepito dei tuoi nemici;
il tumulto dei tuoi avversari cresce senza fine.