1 Samuele Capitolo 14
14:1 Un giorno Giònata, figlio di Saul, disse al suo scudiero: Su vieni, portiamoci fino all'appostamento dei Filistei che sta qui di fronte. Ma non disse nulla a suo padre.
14:2 Saul se ne stava al limitare di Gàbaa sotto il melograno che si trova in Migròn; la sua gente era di circa seicento uomini.
14:3 Achià figlio di Achitùb, fratello di Icabòd, figlio di Pìncas, figlio di Eli, sacerdote del Signore in Silo, portava l'efod e il popolo non sapeva che Giònata era andato.
14:4 Tra i varchi per i quali Giònata cercava di passare, puntando sull'appostamento dei Filistei, vi era una sporgenza rocciosa da una parte e una sporgenza rocciosa dall'altra parte: una si chiamava Bòzez, l'altra Sène.
14:5 Una delle rocce sporgenti era di fronte a Micmas a settentrione, l'altra era di fronte a Gàbaa a meridione.
14:6 Giònata disse allo scudiero: Su, vieni, passiamo all'appostamento di questi non circoncisi; forse il Signore ci aiuterà, perché non è difficile per il Signore salvare con molti o con pochi.
14:7 Lo scudiero gli rispose: Fà quanto hai in animo. Avvìati e và! Eccomi con te: come il tuo cuore, così è il mio.
14:8 Allora Giònata disse: Ecco, noi passeremo verso questi uomini e ci mostreremo loro.
14:9 Se ci diranno: Fermatevi finché veniamo a raggiungervi, restiamo in basso e non saliamo da loro.
14:10 Se invece ci diranno: Venite su da noi!, saliamo, perché il Signore ce li ha messi nelle mani e questo sarà per noi il segno.
14:11 Quindi i due si lasciarono scorgere dall'appostamento filisteo e i Filistei dissero: Ecco gli Ebrei che escono dalle caverne dove si erano nascosti.
14:12 Poi gli uomini della guarnigione dissero a Giònata e al suo scudiero: Salite da noi, che abbiamo qualche cosa da dirvi!. Giònata allora disse al suo scudiero: Sali dopo di me, perché il Signore li ha messi nelle mani di Israele.
14:13 Giònata saliva aiutandosi con le mani e con i piedi e lo scudiero lo seguiva; quelli cadevano davanti a Giònata e, dietro, lo scudiero li finiva.
14:14 Questa fu la prima strage nella quale Giònata e il suo scudiero colpirono una ventina di uomini, entro quasi metà di un campo arabile.
14:15 Si sparse così il terrore nell'accampamento, nella regione e in tutto il popolo. Anche la guarnigione e i suoi uomini d'assalto furono atterriti e la terra tremò e ci fu un terrore divino.
14:16 Le vedette di Saul che stavano in Gàbaa di Beniamino guardarono e videro la moltitudine che fuggiva qua e là.
14:17 Allora Saul ordinò alla gente che era con lui: Su, cercate e indagate chi sia partito da noi. Cercarono ed ecco non c'erano né Giònata né il suo scudiero.
14:18 Saul disse ad Achia: Avvicina l'efod! - egli infatti allora portava l'efod davanti agli Israeliti -.
14:19 Mentre Saul parlava al sacerdote, il tumulto che era sorto nel campo filisteo andava propagandosi e crescendo. Saul disse al sacerdote: Ritira la mano.
14:20 A loro volta Saul e la gente che era con lui alzarono grida e mossero all'attacco, ma ecco trovarono che la spada dell'uno si rivolgeva contro l'altro in una confusione molto grande.
14:21 Anche quegli Ebrei che erano con i Filistei da qualche tempo e che erano saliti con loro all'accampamento, si voltarono, per mettersi con Israele che era là con Saul e Giònata.
14:22 Inoltre anche tutti gli Israeliti che si erano nascosti sulle montagne di Efraim, quando seppero che i Filistei erano in fuga, si unirono a inseguirli e batterli.
14:23 Così il Signore in quel giorno salvò Israele e la battaglia si estese fino a Bet-Aven.
14:24 Gli Israeliti erano sfiniti in quel giorno e Saul impose questo giuramento a tutto il popolo: Maledetto chiunque gusterà cibo prima di sera, prima che io mi sia vendicato dei miei nemici. E nessuno del popolo gustò cibo.
14:25 Tutta la gente passò per una selva dove c'erano favi di miele sul suolo.
14:26 Il popolo passò per la selva ed ecco si vedeva colare il miele, ma nessuno stese la mano e la portò alla bocca, perché il popolo temeva il giuramento.
14:27 Ma Giònata non aveva saputo che suo padre aveva fatto giurare il popolo, quindi allungò la punta del bastone che teneva in mano e la intinse nel favo di miele, poi riportò la mano alla bocca e i suoi occhi si rischiararono.
14:28 Uno del gruppo s'affrettò a dire: Tuo padre ha fatto fare questo solenne giuramento al popolo: Maledetto chiunque toccherà cibo quest'oggi!, sebbene il popolo fosse sfinito.
14:29 Rispose Giònata: Mio padre vuol rovinare il paese! Guardate come si sono rischiarati i miei occhi, perché ho gustato un poco di questo miele.
14:30 Dunque se il popolo avesse mangiato oggi qualche cosa dei viveri presi ai nemici, quanto maggiore sarebbe stata ora la rotta dei Filistei!.
14:31 In quel giorno percossero i Filistei da Micmas fino ad Aialon e il popolo era sfinito.
14:32 Quelli del popolo si gettarono sulla preda e presero pecore, buoi e vitelli e li macellarono e li mangiarono con il sangue.
14:33 La cosa fu annunziata a Saul: Ecco il popolo pecca contro il Signore, mangiando con il sangue. Rispose: Avete prevaricato! Rotolate subito qui una grande pietra.
14:34 Allora Saul soggiunse: Passate tra il popolo e dite a tutti: Ognuno conduca qua il suo bue e il suo montone e li macelli su questa pietra, poi mangiatene; così non peccherete contro il Signore, mangiando le carni con il sangue. In quella notte ogni uomo del popolo condusse a mano ciò che aveva e là lo macellò.
14:35 Saul innalzò un altare al Signore. Fu questo il primo altare che egli edificò al Signore.
14:36 Quindi Saul disse: Scendiamo dietro i Filistei questa notte stessa e deprediamoli fino al mattino e non lasciamo scampare uno solo di loro. Gli risposero: Fà quanto ti sembra bene. Ma il sacerdote disse: Accostiamoci qui a Dio.
14:37 Saul dunque interrogò Dio: Devo scendere dietro i Filistei? Li consegnerai in mano di Israele?. Ma quel giorno non gli rispose.
14:38 Allora Saul disse: Accostatevi qui voi tutti capi del popolo. Cercate ed esaminate da chi sia stato commesso oggi il peccato,
14:39 perché per la vita del Signore salvatore d'Israele certamente costui morirà, anche se si tratta di Giònata mio figlio. Ma nessuno del popolo gli rispose.
14:40 Perciò disse a tutto Israele: Voi state da una parte: io e mio figlio Giònata staremo dall'altra. Il popolo rispose a Saul: Fà quanto ti sembra bene.
14:41 Saul parlò al Signore: Dio d'Israele, fà conoscere l'innocente. Furono designati Giònata e Saul e il popolo restò libero.
14:42 Saul soggiunse: Tirate a sorte tra me e mio figlio Giònata. Fu sorteggiato Giònata.
14:43 Saul disse a Giònata: Narrami quello che hai fatto. Giònata raccontò: Realmente ho assaggiato un pò di miele con la punta del bastone che avevo in mano. Ecco, morirò.
14:44 Saul disse: Faccia Dio a me questo e anche di peggio, se non andrai a morte, Giònata!.
14:45 Ma il popolo disse a Saul: Dovrà forse morire Giònata che ha ottenuto questa grande vittoria in Israele? Non sia mai! Per la vita del Signore, non cadrà a terra un capello del suo capo, perché in questo giorno egli ha agito con Dio. Così il popolo salvò Giònata che non fu messo a morte.
14:46 Saul cessò dall'inseguire i Filistei e questi raggiunsero il loro paese.
14:47 Saul si assicurò il regno su Israele e mosse contro tutti i nemici all'intorno: contro Moab e gli Ammoniti, contro Edom e i re di Zoba e i Filistei e dovunque si volgeva aveva successo.
14:48 Compì imprese brillanti, battè gli Amaleciti e liberò Israele dalle mani degli oppressori.
14:49 Figli di Saul furono Giònata, Isbàal e Malkisùa; le sue due figlie si chiamavano Merab la maggiore e Mikal la più piccola.
14:50 La moglie di Saul si chiamava Achinòam, figlia di Achimàaz. Il capo delle sue milizie si chiamava Abner figlio di Ner, zio di Saul.
14:51 Kis padre di Saul e Ner padre di Abner erano figli di Abièl.
14:52 Durante tutto il tempo di Saul vi fu guerra aperta con i Filistei; se Saul scorgeva un uomo valente o un giovane coraggioso, lo prendeva al suo seguito.