1 Samuele Capitolo 15
15:1 Samuele disse a Saul: Il Signore ha inviato me per consacrarti re sopra Israele suo popolo. Ora ascolta la voce del Signore.
15:2 Così dice il Signore degli eserciti: Ho considerato ciò che ha fatto Amalek a Israele, ciò che gli ha fatto per via, quando usciva dall'Egitto.
15:3 Và dunque e colpisci Amalek e vota allo sterminio quanto gli appartiene, non lasciarti prendere da compassione per lui, ma uccidi uomini e donne, bambini e lattanti, buoi e pecore, cammelli e asini.
15:4 Saul convocò il popolo e passò in rassegna le truppe in Telaìm: erano duecentomila fanti e diecimila uomini di Giuda.
15:5 Saul venne alla città di Amalek e tese un'imboscata nella valle.
15:6 Disse inoltre Saul ai Keniti: Andate via, ritiratevi dagli Amaleciti prima che vi travolga insieme con loro, poiché avete usato benevolenza con tutti gli Israeliti, quando uscivano dall'Egitto. I Keniti si ritirarono da Amalek.
15:7 Saul colpì Amalek da Avila procedendo verso Sur, che è di fronte all'Egitto.
15:8 Egli prese vivo Agag, re di Amalek, e passò a fil di spada tutto il popolo.
15:9 Ma Saul e il popolo risparmiarono Agag e il meglio del bestiame minuto e grosso, gli animali grassi e gli agnelli, cioè tutto il meglio, e non vollero sterminarli; invece votarono allo sterminio tutto il bestiame scadente e patito.
15:10 Allora fu rivolta a Samuele questa parola del Signore:
15:11 Mi pento di aver costituito Saul re, perché si è allontanato da me e non ha messo in pratica la mia parola. Samuele rimase turbato e alzò grida al Signore tutta la notte.
15:12 Al mattino presto Samuele si alzò per andare incontro a Saul, ma fu annunziato a Samuele: Saul è andato a Carmel, ed ecco si è fatto costruire un trofeo, poi è tornato passando altrove ed è sceso a Gàlgala.
15:13 Samuele raggiunse Saul e Saul gli disse: Benedetto tu davanti al Signore; ho eseguito gli ordini del Signore.
15:14 Rispose Samuele: Ma che è questo belar di pecore, che mi giunge all'orecchio, e questi muggiti d'armento che odo?.
15:15 Disse Saul: Li hanno condotti qui dagli Amaleciti, come il meglio del bestiame grosso e minuto, che il popolo ha risparmiato per sacrificarli al Signore, tuo Dio. Il resto l'abbiamo votato allo sterminio.
15:16 Rispose Samuele a Saul: Basta! Lascia che ti annunzi ciò che il Signore mi ha rivelato questa notte. E Saul gli disse: Parla!.
15:17 Samuele cominciò: Non sei tu capo delle tribù d'Israele, benché piccolo ai tuoi stessi occhi? Non ti ha forse il Signore consacrato re d'Israele?
15:18 Il Signore ti aveva mandato per una spedizione e aveva detto: Và, vota allo sterminio quei peccatori di Amaleciti, combattili finché non li avrai distrutti.
15:19 Perché dunque non hai ascoltato la voce del Signore e ti sei attaccato al bottino e hai fatto il male agli occhi del Signore?.
15:20 Saul insistè con Samuele: Ma io ho obbedito alla parola del Signore, ho fatto la spedizione che il Signore mi ha ordinato, ho condotto Agag re di Amalek e ho sterminato gli Amaleciti.
15:21 Il popolo poi ha preso dal bottino pecore e armenti, primizie di ciò che è votato allo sterminio per sacrificare al Signore tuo Dio in Gàlgala.

15:22 Samuele esclamò:
Il Signore forse gradisce gli olocausti e i
sacrifici
come obbedire alla voce del Signore?
Ecco, obbedire è meglio del sacrificio,
essere docili è più del grasso degli arieti.

15:23 Poiché peccato di divinazione è la ribellione,
e iniquità e terafim l'insubordinazione.
Perché hai rigettato la parola del Signore,
Egli ti ha rigettato come re.

15:24 Saul disse allora a Samuele: Ho peccato per avere trasgredito il comando del Signore e i tuoi ordini, mentre ho temuto il popolo e ho ascoltato la sua voce.
15:25 Ma ora, perdona il mio peccato e ritorna con me, perché mi prostri al Signore.
15:26 Ma Samuele rispose a Saul: Non posso ritornare con te, perché tu stesso hai rigettato la parola del Signore e il Signore ti ha rigettato perché tu non sia più re sopra Israele.
15:27 Samuele si voltò per andarsene ma Saul gli afferrò un lembo del mantello, che si strappò.
15:28 Samuele gli disse: Il Signore ha strappato da te il regno d'Israele e l'ha dato ad un altro migliore di te.
15:29 D'altra parte la Gloria di Israele non mentisce né può ricredersi, perché Egli non è uomo per ricredersi.
15:30 Saul disse: Ho peccato sì, ma onorami davanti agli anziani del mio popolo e davanti a Israele; ritorna con me perché mi prostri al Signore tuo Dio.
15:31 Samuele ritornò con Saul e questi si prostrò al Signore.
15:32 Poi Samuele disse: Conducetemi Agag, re di Amalek. Agag avanzò verso di lui tutto tremante, dicendo:
Certo è passata l'amarezza della morte!.

15:33 Samuele l'apostrofò:
Come la tua spada ha privato di figli le donne,
così sarà privata di figli tra le donne tua madre.
Poi Samuele trafisse Agag davanti al Signore in Gàlgala.

15:34 Samuele andò quindi a Rama e Saul salì a casa sua a Gàbaa di Saul.
15:35 Né Samuele tornò a rivedere Saul fino al giorno della sua morte, ma Samuele piangeva per Saul, perché il Signore si era pentito di aver fatto regnare Saul su Israele.