1 Samuele Capitolo 8
8:1 Quando Samuele fu vecchio, stabilì giudici di Israele i suoi figli.
8:2 Il primogenito si chiamava Ioèl, il secondogenito Abià; esercitavano l'ufficio di giudici a Bersabea.
8:3 I figli di lui però non camminavano sulle sue orme, perché deviavano dietro il lucro, accettavano regali e sovvertivano il giudizio.
8:4 Si radunarono allora tutti gli anziani d'Israele e andarono da Samuele a Rama.
8:5 Gli dissero: Tu ormai sei vecchio e i tuoi figli non ricalcano le tue orme. Ora stabilisci per noi un re che ci governi, come avviene per tutti i popoli.
8:6 Agli occhi di Samuele era cattiva la proposta perché avevano detto: Dacci un re che ci governi. Perciò Samuele pregò il Signore.
8:7 Il Signore rispose a Samuele: Ascolta la voce del popolo per quanto ti ha detto, perché costoro non hanno rigettato te, ma hanno rigettato me, perché io non regni più su di essi.
8:8 Come si sono comportati dal giorno in cui li ho fatti uscire dall'Egitto fino ad oggi, abbandonando me per seguire altri dei, così intendono fare a te.
8:9 Ascolta pure la loro richiesta, però annunzia loro chiaramente le pretese del re che regnerà su di loro.
8:10 Samuele riferì tutte le parole del Signore al popolo che gli aveva chiesto un re.
8:11 Disse loro: Queste saranno le pretese del re che regnerà su di voi: prenderà i vostri figli per destinarli ai suoi carri e ai suoi cavalli, li farà correre davanti al suo cocchio,
8:12 li farà capi di migliaia e capi di cinquantine; li costringerà ad arare i suoi campi, a mietere le sue messi, ad apprestargli armi per le sue battaglie e attrezzature per i suoi carri.
8:13 Prenderà anche le vostre figlie per farle sue profumiere e cuoche e fornaie.
8:14 Si farà consegnare ancora i vostri campi, le vostre vigne, i vostri oliveti più belli e li regalerà ai suoi ministri.
8:15 Sulle vostre sementi e sulle vostre vigne prenderà le decime e le darà ai suoi consiglieri e ai suoi ministri.
8:16 Vi sequestrerà gli schiavi e le schiave, i vostri armenti migliori e i vostri asini e li adopererà nei suoi lavori.
8:17 Metterà la decima sui vostri greggi e voi stessi diventerete suoi schiavi.
8:18 Allora griderete a causa del re che avrete voluto eleggere, ma il Signore non vi ascolterà.
8:19 Il popolo non diede retta a Samuele e rifiutò di ascoltare la sua voce, ma gridò: No, ci sia un re su di noi.
8:20 Saremo anche noi come tutti i popoli; il nostro re ci farà da giudice, uscirà alla nostra testa e combatterà le nostre battaglie.
8:21 Samuele ascoltò tutti i discorsi del popolo e li riferì all'orecchio del Signore.
8:22 Rispose il Signore a Samuele: Ascoltali; regni pure un re su di loro. Samuele disse agli Israeliti: Ciascuno torni alla sua città!.