2 Samuele Capitolo 14
14:1 Ioab figlio di Zeruià si accorse che il cuore del re era contro Assalonne.
14:2 Allora mandò a chiamare a Tekòa e fece venire una donna saggia e le disse: Fingi di essere in lutto: mettiti una veste da lutto, non ti ungere con olio e compòrtati da donna che pianga da molto tempo un morto;
14:3 poi entra presso il re e parlagli così e così. Ioab le mise in bocca le parole da dire.
14:4 La donna di Tekòa andò dunque dal re, si gettò con la faccia a terra, si prostrò e disse: Aiuto, o re!.
14:5 Il re le disse: Che hai?. Rispose: Ahimè! Io sono una vedova; mio marito è morto.
14:6 La tua schiava aveva due figli, ma i due vennero tra di loro a contesa in campagna e nessuno li separava; così uno colpì l'altro e l'uccise.
14:7 Ed ecco tutta la famiglia è insorta contro la tua schiava dicendo: consegnaci l'uccisore del fratello, perché lo facciamo morire per vendicare il fratello che egli ha ucciso. Elimineranno così anche l'erede e spegneranno l'ultima bracia che mi è rimasta e non lasceranno a mio marito né nome, né discendenza sulla terra.
14:8 Il re disse alla donna: Và pure a casa: io darò ordini a tuo riguardo.
14:9 La donna di Tekòa disse al re: Re mio signore, la colpa cada su di me e sulla casa di mio padre, ma il re e il suo trono sono innocenti.
14:10 E il re: Se qualcuno parla contro di te, conducilo da me e vedrai che non ti molesterà più.
14:11 Riprese: Il re pronunzi il nome del Signore suo Dio perché il vendicatore del sangue non aumenti la disgrazia e non mi sopprimano il figlio. Egli rispose: Per la vita del Signore, non cadrà a terra un capello di tuo figlio!.
14:12 Allora la donna disse: La tua schiava possa dire una parola al re mio signore!. Egli rispose: Parla.
14:13 Riprese la donna: Allora perché pensi così contro il popolo di Dio? Intanto il re, pronunziando questa sentenza si è come dichiarato colpevole, per il fatto che il re non fa ritornare colui che ha bandito.
14:14 Noi dobbiamo morire e siamo come acqua versata in terra, che non si può più raccogliere, e Dio non ridà la vita. Il re pensi qualche piano perché il proscritto non sia più bandito lontano da lui.
14:15 Ora, se io sono venuta a parlare così al re mio signore, è perché la gente mi ha fatto paura e la tua schiava ha detto: Voglio parlare al re; forse il re farà quanto gli dirà la sua schiava;
14:16 il re ascolterà la sua schiava e la libererà dalle mani di quelli che cercano di sopprimere me e mio figlio dalla eredità di Dio.
14:17 La donna concluse: La parola del re mio signore conceda la calma. Perché il re mio signore è come un angelo di Dio per distinguere il bene e il male. Il Signore tuo Dio sia con te!.
14:18 Il re rispose e disse alla donna: Non tenermi nascosto nulla di quello che io ti domanderò. La donna disse: Parli pure il re mio signore.
14:19 Disse il re: La mano di Ioab non è forse con te in tutto questo?. La donna rispose: Per la tua vita, o re mio signore, non si può andare né a destra né a sinistra di quanto ha detto il re mio signore! Proprio il tuo servo Ioab mi ha dato questi ordini e ha messo tutte queste parole in bocca alla tua schiava.
14:20 Per dare alla cosa un'altra faccia, il tuo servo Ioab ha agito così; ma il mio signore ha la saggezza di un angelo di Dio e sa quanto avviene sulla terra.
14:21 Allora il re disse a Ioab: Ecco, voglio fare quello che hai chiesto; và dunque e fà tornare il giovane Assalonne.
14:22 Ioab si gettò con la faccia a terra, si prostrò, benedisse il re e disse: Oggi il tuo servo sa di aver trovato grazia ai tuoi occhi, re mio signore, poiché il re ha fatto quello che il suo servo gli ha chiesto.
14:23 Ioab dunque si alzò, andò a Ghesùr e condusse Assalonne a Gerusalemme.
14:24 Ma il re disse: Si ritiri in casa e non veda la mia faccia. Così Assalonne si ritirò in casa e non vide la faccia del re.
14:25 Ora in tutto Israele non vi era uomo che fosse tanto lodato per la sua bellezza quanto Assalonne; dalle piante dei piedi alla cima del capo, non vi era in lui un difetto alcuno.
14:26 Quando si faceva tagliare i capelli, e se li faceva tagliare ogni anno perché la capigliatura gli pesava troppo, egli pesava i suoi capelli e il peso era di duecento sicli a peso del re.
14:27 Ad Assalonne nacquero tre figli e una figlia chiamata Tamàr, che era donna di bell'aspetto.
14:28 Assalonne abitò in Gerusalemme due anni, senza vedere la faccia del re.
14:29 Poi Assalonne convocò Ioab per mandarlo dal re; ma egli non volle andare da lui; lo convocò una seconda volta, ma Ioab non volle andare.
14:30 Allora Assalonne disse ai suoi servi: Vedete, il campo di Ioab è vicino al mio e vi è l'orzo; andate ed appiccatevi il fuoco!. I servi di Assalonne appiccarono il fuoco al campo.
14:31 Allora Ioab si alzò, andò a casa di Assalonne e gli disse: Perché i tuoi servi hanno dato fuoco al mio campo?.
14:32 Assalonne rispose a Ioab: Io ti avevo mandato a dire: Vieni qui, voglio mandarti a dire al re: Perché sono tornato da Ghesùr? Sarebbe meglio per me se fossi rimasto là. Ora voglio vedere la faccia del re e, se vi è in me colpa, mi faccia morire!.
14:33 Ioab allora andò dal re e gli riferì la cosa. Il re fece chiamare Assalonne, il quale venne e si prostrò con la faccia a terra davanti a lui; il re baciò Assalonne.