2 Samuele Capitolo 3
3:1 La guerra tra la casa di Saul e la casa di Davide si protrasse a lungo. Davide con l'andar del tempo si faceva più forte, mentre la casa di Saul andava indebolendosi.
3:2 In Ebron nacquero a Davide dei figli e furono: il maggiore Amnòn, nato da Achinoàm di Izreèl;
3:3 il secondo Kileàb, da Abigail già moglie di Nabal da Carmel; il terzo Assalonne, nato da Maaca, figlia di Talmài re di Ghesùr;
3:4 il quarto Adonìa nato da Agghìt; il quinto Sefatìa, figlio di Abitàl;
3:5 il sesto Itreàm, nato da Eglà moglie di Davide. Questi nacquero a Davide in Ebron.
3:6 Mentre durava la lotta tra la casa di Saul e quella di Davide, Abner era diventato potente nella casa di Saul.
3:7 Saul aveva avuto una concubina chiamata Rizpà figlia di Aià. Ora Is-Bàal disse ad Abner: Perché ti sei unito alla concubina di mio padre?.
3:8 Abner si adirò molto per le parole di Is-Bàal e disse: Sono io una testa di cane, di quelli di Giuda? Fino ad oggi ho usato benevolenza alla casa di Saul tuo padre, favorendo i suoi fratelli e i suoi amici, e non ti ho fatto cadere nelle mani di Davide; oggi tu mi rimproveri una colpa di donna.
3:9 Tanto faccia Dio ad Abner e anche peggio, se io non farò per Davide ciò che il Signore gli ha giurato:
3:10 trasferire cioè il regno dalla casa di Saul e stabilire il trono di Davide su Israele e su Giuda, da Dan fino a Bersabea.
3:11 Quegli non fu capace di rispondere una parola ad Abner, perché aveva paura di lui.
3:12 Abner inviò subito messaggeri a Davide per dirgli: A chi il paese?. Intendeva dire: Fà alleanza con me ed ecco, la mia mano sarà con te per ricondurre a te tutto Israele.
3:13 Rispose: Bene! Io farò alleanza con te. Però ho una cosa da chiederti ed è questa: non verrai alla mia presenza, se prima non mi condurrai davanti Mikal figlia di Saul, quando verrai a vedere il mio volto.
3:14 Davide spedì messaggeri a Is-Bàal, figlio di Saul, intimandogli: Restituisci mia moglie Mikal, che feci mia sposa al prezzo di cento membri di Filistei.
3:15 Is-Bàal mandò incaricati a toglierla al suo marito, Paltiel figlio di Lais.
3:16 Suo marito la seguì, camminando e piangendo dietro di lei fino a Bacurim. Poi Abner gli disse: Torna indietro! e quegli tornò.
3:17 Intanto Abner rivolse questo discorso agli anziani d'Israele: Da tempo voi ricercate Davide come vostro re.
3:18 Ora mettetevi al lavoro, perché il Signore ha detto e confermato a Davide: Per mezzo di Davide mio servo libererò Israele mio popolo dalle mani dei Filistei e dalle mani di tutti i suoi nemici.
3:19 Abner ebbe colloqui anche con gli uomini di Beniamino. Poi Abner tornò solo da Davide in Ebron a riferirgli quanto era stato approvato da Israele e da tutta la casa di Beniamino.
3:20 Abner venne dunque a Davide in Ebron con venti uomini e Davide fece servire un banchetto ad Abner e ai suoi uomini.
3:21 Abner disse poi a Davide: Sono pronto! Vado a radunare tutto Israele intorno al re mio signore. Essi faranno alleanza con te e regnerai su quanto tu desideri. Davide congedò poi Abner, che partì in pace.
3:22 Ed ecco, gli uomini di Davide e Ioab tornavano da una scorreria e portavano con sé grande bottino. Abner non era più con Davide in Ebron, perché questi lo aveva congedato, ed egli era partito in pace.
3:23 Quando arrivarono Ioab e la sua truppa, fu riferito a Ioab: È venuto dal re Abner figlio di Ner ed egli l'ha congedato e se n'è andato in pace.
3:24 Ioab si presentò al re e gli disse: Che hai fatto? Ecco, è venuto Abner da te; perché l'hai congedato ed egli se n'è andato?
3:25 Non sai chi è Abner figlio di Ner? È venuto per ingannarti, per conoscere le tue mosse, per sapere ciò che fai.
3:26 Ioab si allontanò da Davide e mandò messaggeri dietro Abner e lo fece tornare indietro dalla cisterna di Sira, senza che Davide lo sapesse.
3:27 Abner tornò a Ebron e Ioab lo prese in disparte in mezzo alla porta, come per parlargli in privato, e qui lo colpì al basso ventre e lo uccise, per vendicare il sangue di Asaèl suo fratello.
3:28 Davide seppe più tardi la cosa e protestò: Sono innocente io e il mio regno per sempre davanti al Signore del sangue di Abner figlio di Ner.
3:29 Ricada sulla testa di Ioab e su tutta la casa di suo padre. Nella casa di Ioab non manchi mai chi soffra gonorrea o sia colpito da lebbra o maneggi il fuso, chi cada di spada o chi sia senza pane.
3:30 Ioab e suo fratello Abisài avevano trucidato Abner, perché aveva ucciso Asaèl loro fratello a Gàbaon in battaglia.
3:31 Davide disse a Ioab e a tutta la gente che era con lui: Stracciatevi le vesti, vestitevi di sacco e fate lutto davanti ad Abner. Anche il re Davide seguiva la bara.
3:32 Seppellirono Abner in Ebron e il re levò la sua voce e pianse davanti al sepolcro di Abner; pianse tutto il popolo.
3:33 Il re intonò un lamento funebre su Abner e disse:
Come muore un insensato,
doveva dunque Abner morire?

3:34 Le tue mani non erano state legate,
i tuoi piedi non erano stati stretti in catene!
Sei caduto come si cade
davanti ai malfattori!.
Tutto il popolo riprese a piangere su di lui.

3:35 Tutto il popolo venne a invitare Davide perché prendesse cibo, mentre era ancora giorno; ma Davide giurò: Tanto mi faccia Dio e anche di peggio, se io gusterò pane o qualsiasi altra cosa prima del tramonto del sole.
3:36 Tutto il popolo notò la cosa e la trovò giusta; quanto fece il re ebbe l'approvazione del popolo intero.
3:37 Tutto il popolo, cioè tutto Israele, fu convinto in quel giorno che la morte di Abner figlio di Ner non era stata provocata dal re.
3:38 Disse ancora il re ai suoi ministri: Sappiate che oggi è caduto un capo, un grande in Israele. Io, oggi, mi sono comportato dolcemente, sebbene già consacrato re, mentre questi uomini, i figli di Zeruià, sono stati più duri di me. Provveda il Signore a trattare il malvagio secondo la sua malvagità.