2 Samuele Capitolo 5
5:1 Vennero allora tutte le tribù d'Israele da Davide in Ebron e gli dissero: Ecco noi ci consideriamo come tue ossa e tua carne.
5:2 Gia prima, quando regnava Saul su di noi, tu conducevi e riconducevi Israele. Il Signore ti ha detto: Tu pascerai Israele mio popolo, tu sarai capo in Israele.
5:3 Vennero dunque tutti gli anziani d'Israele dal re in Ebron e il re Davide fece alleanza con loro in Ebron davanti al Signore ed essi unsero Davide re sopra Israele.
5:4 Davide aveva trent'anni quando fu fatto re e regnò quarant'anni.
5:5 Regnò in Ebron su Giuda sette anni e sei mesi e in Gerusalemme regnò quarantatré anni su tutto Israele e su Giuda.
5:6 Il re e i suoi uomini mossero verso Gerusalemme contro i Gebusei che abitavano in quel paese. Costoro dissero a Davide: Non entrerai qui: basteranno i ciechi e gli zoppi a respingerti, per dire: Davide non potrà entrare qui.
5:7 Ma Davide prese la rocca di Sion, cioè la città di Davide.
5:8 Davide proclamò in quel giorno: Chiunque colpirà i Gebusei e li raggiungerà attraverso il canale... Quanto ai ciechi e agli zoppi, sono in odio a Davide. Per questo dicono: Il cieco e lo zoppo non entreranno nella casa.
5:9 Davide abitò nella rocca e la chiamò Città di Davide. Egli vi fece intorno costruzioni, dal Millo verso l'interno.
5:10 Davide andava sempre crescendo in potenza e il Signore Dio degli eserciti era con lui.
5:11 Chiram re di Tirò inviò a Davide messaggeri con legno di cedro, carpentieri e muratori, i quali costruirono una casa a Davide.
5:12 Davide seppe allora che il Signore lo confermava re di Israele e innalzava il suo regno per amore di Israele suo popolo.
5:13 Davide prese ancora concubine e mogli di Gerusalemme, dopo il suo arrivo da Ebron: queste generarono a Davide altri figli e figlie.
5:14 I figli che gli nacquero in Gerusalemme si chiamano Sammùa, Sobàb, Natan e Salomone;
5:15 Ibcàr, Elisùa, Nèfeg, Iafìa;
5:16 Elisamà, Eliadà ed Elifèlet.
5:17 Quando i Filistei vennero a sapere che avevano consacrato Davide re d'Israele, salirono tutti per dargli la caccia, ma appena Davide ne fu informato, discese alla fortezza.
5:18 Vennero i Filistei e si sparsero nella valle di Rèfaim.
5:19 Davide consultò il Signore chiedendo: Devo andare contro i Filistei? Li metterai nelle mie mani?. Il Signore rispose a Davide: Và pure, perché certo metterò i Filistei nelle tue mani.
5:20 Davide si recò a Baal-Perazìm e là Davide li sconfisse ed esclamò: Il Signore ha aperto una breccia tra i nemici davanti a me, come una breccia aperta dalle acque. Per questo chiamò quel luogo Baal-Perazìm.
5:21 I Filistei abbandonarono là i loro dei e Davide e la sua gente li portarono via.
5:22 I Filistei salirono poi di nuovo e si sparsero nella valle di Rèfaim.
5:23 Davide consultò il Signore, il quale gli disse: Non andare; gira alle loro spalle e piomba su di loro dalla parte dei Balsami.
5:24 Quando udrai un rumore di passi sulle cime dei Balsami, lanciati subito all'attacco, perché allora il Signore uscirà davanti a te per sconfiggere l'esercito dei Filistei.
5:25 Davide fece come il Signore gli aveva ordinato e sconfisse i Filistei da Gàbaa fino all'ingresso di Ghezer.